Category Archives: Wigs

Tireless Artist OOAK Ribbon-Jointed Doll Mary of Scots

The Inspirational Dolls and BJDs of Tireless Artist (Part 2)

In the second installment of our interview with Tireless Artist, Dorote discusses costumes, wigs, the BJDs and dolls she’s dreaming of, and her collaboration with Lidia Snul.

BJDmagazine: What materials do you use to paint your dolls, and why?

Dorote: I used to paint dolls with oil paints, but now I paint my dolls with acrylic paints most of the time.  In the case of Dirvolira, I used pencil and pastel. After painting my dolls, I always seal them with acrylic varnish to protect against aging.

Tireless Artist OOAK BJD Dirvolira

BJDmagazine: Why do you chose to create characters with such long thin limbs?

Dorote: I am fragile on the outside and strong on the  inside – like my characters. These proportions help me to convey that feeling.

BJDmagazine: Tell us about your doll’s wigs. How do you create them? How much work is involved in making one?

Dorote: Wigs are an important part of the costume in my dolls. I like them unrealistically high and with lots of curls. They all are made from natural wool or mohair, since no artificial fiber can give such quality. As with everything else about my dolls – wigs take much time and work to create. The process of wig making is long and needs lots of attention. To describe it briefly – I make a base of the shape I want, then I create curls and sew them to the base. After the wig is sewn, I glue it to the doll’s head and decorate it with beads and other items. For the final step – I make additional curls and glue them on. Usually I need around 20 hours for one wig.

Right now I have an idea for making a BJD with a fancy wig that is not permanently glued to her head.

Tireless Artist OOAK Ribbon-Jointed Doll Eve

BJDmagazine: You say “a doll is done when it doesn’t need my work anymore and lives on its own.” Can you elaborate?

Dorote: There always comes a moment when I look at a doll and I know that she’s got everything she needs – all the beads are added, all the curls nicely shaped, all the details of the outfit are sewn, each ribbon is beautifully tied, and my signature is in its place. That is the moment when I do not see anything that could be added to the doll. It means she is finished. I never come back to finished dolls and never remake them because I work on them as long as it takes for them to be perfect. When I am satisfied with the doll, she starts living on her own. At that moment she is ready to show herself to the world and leave my house for the new owner’s home.

Tireless Artist OOAK Ribbon-Jointed Doll Mary of Scots

BJDmagazine: Can you describe your work process for us. What part does drawing and planning play in it?

Dorote: It all starts in my head. The idea appears and I carry it there for a while. Sometimes, it is not strong enough and I let it go away. Other times, it develops into a pretty realistic character, which I sketch.

I prefer to take my time sketching and planning all the details so I know for sure how and what I should do after I start making the doll.

It certainly saves me a lot of time. It is faster and more convenient to design the doll in my head and on paper, than to design it while sculpting the doll or working on a costume. First I draw what the doll is going to look like, then I plan the technical part of making her. Sometimes I do information research for characters such as historical figures or animals.

After I know how I want the doll to turn out and how to make it – I start sculpting. It takes many hours before I am completely satisfied with the sculpting. I keep cutting, sanding, and sculpting until the moment when I see it and I think “yes, this is it!”

I then start painting to give the doll more life and character. Painting a doll is like painting a 3D picture – you need the skill of a portrait painter. It is not just about giving some color to that face, but also about making shadows deeper and lights brighter, giving it a mood, putting some thought into these eyes…

After the painting, I start working on a wig and a costume, which takes hours and hours of sewing and embroidering and beading. Lots and lots of attention and patience are taken until I can finally celebrate the birth of another unique creature.

Tireless Artist OOAK Ribbon-Jointed Doll Heartbeat

BJDmagazine: Your dolls are all mythical or historical women. Why? Do you have any plans to create a male doll?

Dorote: I guess they all are women because somehow I reflect myself in my dolls. However, yes, I was thinking about creating  a human-like male doll. The only males I’ve created so far are a fox called Dream Seller, and a rabbit/brownie called The Professor :) ).

BJDmagazine: You only create OOAK dolls. Why do you make the choice not to reproduce?

Dorote: It is all because there are too many character waiting desperately to be created in my head :)

…reproducing… well maybe someday far in the future…

I just enjoy creating unique dolls so much. I like that they are all different from each other.

If I ever use molds – it will be for a very limited edition.

BJDmagazine: What do you find is the most rewarding moment in the creative process?

Dorote: I can’t point to just one moment… The whole process is rewarding. Being able to do what I love to do is rewarding. Getting feedback from my wonderful audience is rewarding.

Tireless Artist OOAK Ribbon-JOinted Doll Eve

BJDmagazine: What do you find is the most challenging moment in the creative process?

Dorote: To find the beads of exact shape and size right when I need them. :) … Just joking. But yes, sometimes I know what I want and I know how it must look, and then I spend hours walking from store to store looking for that exact detail.

BJDmagazine: You say you are happy and sad when a doll is finished. Can you tell us more about that? What is your relationship to your dolls?

Dorote: The whole creation process gives me a lot of joy and pleasure. I am always full of excitement and curiosity about how the doll will turn out. I see her getting more and more alive in my hands – that feeling is incredible. So yes, it is a bit sad when all this process is finished.

But then I just sit and look at my doll, and I feeling all the energy I put into her coming back to me, and I feel happy.

BJDmagazine: This year, you are stating a collaborative project with Lidia Snul of Bjtales. Can you talk about the project?

Dorote: I have admired Lidia’s dolls for some time and was always wondering how they would look dressed up in fancy hand made costumes. One day Lidia wrote me how she likes the costuming of my dolls, and so I offered to make a collaborative project, just to see how my costume would look on her doll. It appeared that she had exactly the same idea and was about to propose that to me.

We have been thinking about a character and came up with a pirate girl. She has a sad story which we will tell soon. Meanwhile, Lidia is casting her and I am planning the costume.

BJDmagazine: Is there anything else you would like to share with us?

Dorote: Nothing comes to my mind at the moment – I have to admit, this was the longest and most detailed interview I have ever given. Thank you very much for your questions!

And a  big thank you to all of you who have spent their time reading this till the end!

Tireless Artist OOAK Ribbon-Jointed Doll Joan Angel

You can find Tireless Artist on: 

Flickr: http://www.flickr.com/photos/handmadebjd/

Her Blog: http://tirelessartist.blogspot.com/

Her Etsy Shop: http://www.etsy.com/shop/tirelessartist

Please help us by linking, tweeting, and sharing this article with your friends.


PlanetDoll Mini Riz BJD

Where to Start with BJDs? by Lea Mars (Part 2)

So, you’ve decided which BJD mold you want. A ‘mold‘ is the model of the doll. When you order your doll, you’ll probably get the option to choose the resin color, and whether you want the doll with face-up or not.  Some dolls come in only one resin color, but often companies give you different options. The most common colors are white, natural and tan. That being said, not all white, natural or tan resins have the exact same tone. They vary by company. For example my PlanetDoll Mini Riz is a white resin doll, and she is almost as white as paper. Yet, my eLuts Soony has a yellowish glow, even though she is also a white resin doll. Keep this in mind when you buy your doll. Again, look at pictures taken by owners. They usually give a more realistic view of the skin tone of your doll.

PlanetDoll Mini Riz BJD

As I said earlier, you can purchase your doll with or without face-up. A face-up is the ‘make-up’ a doll has on his/her face. When you order your doll with face-up, the doll company will do the face-up. This is often referred to as a standard face-up. Sometimes, the company will give you some say in what you want for a face-up, but you can’t get very specific. If you really want a specific face-up for your BJD, you can commission an artist. There are many face-up artists in the BJD world. Take a look at the interview with Sweetly Twisted or Viridian House. Of course you can also try to do it yourself.

PlanetDoll Mini Riz BJD

The basic things you will need for a face-up are a sealer like Mr. Super Clear, paints, chalk pastels and paint brushes. There are many tutorials and do’s and don’ts available. Do a lot of research before doing anything on your doll. Not all types of paint can be applied on a doll and not all paint removers are good for your doll! If you have a tanned doll you should be extra careful. Take a look at Den of Angels Painting, Customizing and Esthetics forum. Their Customizing Thread Index is a wonderful resource. Doing face-ups yourself is an amazing talent and if you get good at it you can even sell your services!

PlanetDoll Mini Riz BJD

Unless you ordered a limited edition doll, your doll will probably come nude. Some companies include eyes or a wig, but if they didn’t, you need to order them with your doll. Also, with wigs and eyes… you have unlimited choices! There are synthetic wigs, and natural fibers wigs, short and long haired wigs. Eyes range from nice, affordable acrylic eyes to glass eyes, to gorgeous urethane eyes. When there are hundreds companies that sell BJDs, there are even more companies that sell eyes and/or wigs. So look around, browse, explore. Maybe you have a certain look in mind for your doll? Search online shops, and if the shops don’t have that perfect wig you are looking for, you can also commission a wig from a wig artist like MyukiDollfie! I know… too many choices! Wigs and eyes come in different sizes. Each doll requires the correct size. The size information for your doll can be found on the company website and once again on Den of Angels.

Text: (c) 2011, Lea Mars

 

 

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

Interview with MiyukiDollfie, BJD Wig-Maker (Part 2)

In the second part of our interview with MiyukiDollfie (Veronica Degli Esposti), Veronica tells us everything there is to know about fur wigs – how to style them, how to care for them, and how to chose the best style for your BJD.

BJDmagazine: What is a fur wig?

Veronica: Fur is synthetic. If you turn it upside down you can see a fabric backing. This is why I make a tiny hem when I sew, to be sure the stitches don’t come undone.

BJDmagazine: How do you style a fur wig?

Veronica: Using only my fingers and curling every lock of hair, I put them into shape where needed. I also use a little water to create a gelled look. Otherwise, I use particular scissors to give the wigs new styles similar to the ones that we often see in magazines.

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

BJDmagazine: What is the best way to style a fur wig?

Veronica: There isn’t a right way or a wrong way. All you need is a little imagination and lots of patience to arrange the locks just as you want them. :-)

BJDmagazine: How do you care for a fur wig?

Veronica: Washing a fur wig is really easy because it’s a synthetic fiber and does not require any special care. Just use warm water, natural soap, and then air dry it!

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

BJDmagazine: Any recommendations on how to choose the wig that best flatters the face of the doll?

Veronica: Choosing the perfect wig for your own doll isn’t easy. It is important to try lots of colors and styles. Don’t get stuck on just one look. Styling a wig isn’t easy either. You can give it extra style by adding hair pins, ribbons, accessories, braids, or simply by curling the locks of hair. For me, the most important thing is to choose a wig that matches the outfit, the faceup, and the eye color of my doll. A nicely styled wig that matches the outfit adds a good twist to the faceup, even one that doesn’t look so good! The most important thing  is that your doll has to be loved by you first! :-)

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

BJDmagazine: You love the long lush wig style. Why do you like it so much?

Veronica: Because I love long and curly hair, especially on girls. On Lati Yellows and other similar dolls they look really cute and fresh, even if you make pony tails or braids. Maybe it’s odd, but when I create a wig, I think about children playing in open air, and how they arrange their hair while playing. Curls everywhere, uncombed, with tons of hair pins, and lots of colored clips…. When I look at my dolls, I see a part of me, my brother, my cousins, when we were young, and this inspires me to create hair cuts or hairstyles.

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

BJDmagazine: How often do you take commissions?

Veronica: Lately, I have not been accepting lots of commissions because real life and work take so much of my time. Plus, I have some wrist problems that don’t allow me to sew as quickly as before. I try not to take more than a couple of commissions per month.

BJDmagazine: Anything else you would like us to ask?

Veronica: Honestly, I don’t know what to say, except to thank you for giving me the opportunity to share my experience as a wig-maker with so many people. :-)

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

You can find MiyukiDollfie on:

Her Blog: http://miyukidollfie.blogspot.com/

Flick: http://www.flickr.com/photos/miyukidollfie/

Please help us by linking, tweeting, and sharing this article with your friends.
~BJDmagazine
MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

Intervista: MiyukiDollfie (Parte 2)

Oggi, Veronica (MiyukiDollfie) ci racconta tutto di parrucche in fur per BJDs.

BJDmagazine: Cos’è realmente una parrucca in fur?

Veronica: Il fur è un materiale sintetico ed è frutto di un filato. Infatti, se lo si rovescia la parte dietro ha una trama. E’ per questo motivo  che quando lo taglio cerco sempre di fare un piccolo orlo al fine di evitare che possa scucirsi e lasciare andare i punti.

BJDmagazine: Come fai a dare uno stile ad una parrucca in fur?

Veronica: Utilizzando solo le dita e arrotolando le ciocchette su se stesse nella punta e poi sistemandole nella posizione voluta. All’occorrenza uso anche un pò d’acqua per creare un look stile gel. Oppure sfilo le ciocche con delle forbici apposite al fine di dare alla parrucca nuovi stili anche simili ai tagli dei capelli che spesso vediamo nelle riviste.

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

BJDmagazine: Qual è il miglior modo per dare uno stile ad una parrucca in fur?

Veronica: Non c’è un modo migliore o uno peggiore. Basta solo un pò di fantasia e tanta pazienza cercando di sistemare le ciocche come vorremmo. :-)

BJDmagazine: Come ti prendi cura di una wig in fur?

Veronica: Lavare una wig in fur è semplicissimo perchè essendo un tessuto sintetico non ha bisogno di cure particolari. Quindi acqua tiepida, sapone neutro e poi la lascio ad asciugare all’aria.

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

BJDmagazine: Qualche raccomandazione ai nostri lettori su come dare uno stile alla parrucca perchè sua perfetta indossata dalla bambola?

Veronica: Scegliere la parrucca perfetta per la propria bambola non è facile. Provare tanti modelli e colori e non fossilizzarsi su uno stile è importante, ma anche saper sviluppare una parrucca al meglio non è da meno. Aggiungere mollettine, fiocchi e accessori, fare treccie, ma anche semplicemente arrotolare delle ciocche possono dare stile alla vostra parrucca. Ma soprattutto per me è importante pensare alla parrucca coordinandola al vestito, make-up e colore degli occhi della mia bambola. Una bella parrucca acconciata simpaticamente e abbinata bene al vestito valorizza anche il make-up più semplice e solo all’apparenza meno bello. Perchè l’importante è che la bambola piaccia per prima cosa a noi!

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

BJDmagazine: Tu ami le parrucche lunghe e folte. Perchè ti piacciono così tanto?

Veronica: Perchè adoro i capelli lunghi e ricci specialmente sulle bambine. Sulle lati yellow e co. danno infatti un’aria sbarazzina e simpatica specie se raccolti in treccine e codini. E poi può sembrare una cosa strana, ma quando creo le parrucche per le mie piccine penso sempre ai bambini che giocano all’aria aperta e a come si sistemano i capelli giocando. Boccoli ovunque, sempre spettinati e con tanti fermagli colorati. Perchè nelle mie bambole ci vedo molto di me, mio fratello e delle mie cugine quando eravamo bambini e questo mi ispira anche nella creazione dei tagli o delle acconciature.

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

BJDmagazine: Sappiamo che prendi commissioni. Quanto spesso le accetti?

Veronica: Ultimamente non accetto molte commissioni perchè la vita reale e il lavoro mi assorbono moltissimo e a questo va aggiunto che recentemente ho avuto dei problemi ad un polso che non mi permetteno di essere veloce come prima nel cucire. Cerco quindi di non prendere più di un paio di commissioni al mese.

BJDmagazine: Nient’altro che vorresti dirci?

Veronica: Onestamente non so che dire se non ringraziarvi per avermi dato la possibilità di condividere con tante persone la mia esperienza di WigMaker. :-)

MiyukiDollfie BJD Wig-Maker

È possibile trovare MiyukiDollfie:

Sul suo blog: http://miyukidollfie.blogspot.com/

Su Flickr: http://www.flickr.com/photos/miyukidollfie/

Please help us by linking, tweeting, and sharing this article with your friends.
~BJDmagazine
MiyukiDollfie BJD Wigs

Intervista: MiyukiDollfie (Parte 1) (Italian Version)

MiyukiDollfie (Veronica Degli Esposti) ci racconta come è arrivata a fare parrucche per BJDs. Veronica ci dà consigli per la fabbricazione di parrucche.

BJDmagazine: Tu hai una vasta collezione di BJDs. Come hai iniziato questo hobby?

Veronica: Si è vero e a volte mi rendo conto di aver perso anche un pò il conto ^^”, perchè soprattutto le taglie come Lati yellow e co sono le mie preferite e non smetterei mai di comperarne. Le trovo molto simpatiche, e mi permettono di andare a ruota libera con la fantasia e l’abbinamento di vestiti e parrucche.
In verità, la mia collezione è iniziata in maniera un pò strana quasi 5 anni fa e non proprio dalle tanto amate taglie piccole… che, anzi,  all’inizio ho allegramente snobbato. Ho sempre collezionato bambole, in prevalenza Barbie, ma erano 2-3 anni che non avevo più stimoli e non ne comperavo. Poi un giorno mia cognata Daniela (aka Fairy_Dany) è arrivata a casa mia tutta contenta parlandomi di questa bellissima bambola che aveva comperato su ebay. Era un Hound, un bellissimo e alto ragazzo di 70 cm e che dire… è stato amore a prima vista! Così mi sono messa a ricerca della mia prima BJD. All’epoca la scelta è stata semplice perchè non c’erano tutte le case che ci sono oggi: le maggiori erano Luts, Volks, DoD, Lati e poche altre. Così un giorno ho incontrato la Luts Delf Miyu e da allora non ci siamo più lasciate.

MiyukiDollfie BJD Wigs

BJDmagazine: Quando hai iniziato a fare parrucche e perchè?

Veronica: Ho iniziato a fare parrucche quasi subito dopo l’acquisto della mia prima MSD nonchè 3 BJDs. Fondamentalmente perchè Tsubasa la mia Lati Blue Shaina stava malissimo con tutte le parrucche che comperavo e spesso era perchè o troppo grandi o troppo strette per la sua testa. Così un giorno mi è capitato di provarle una parrucca SD in fur e vedendo che le stava bene ho iniziato a cercare del materiale per farne una nella sua taglia. E’ stato per puro caso che ho scoperto l’esistenza di un materiale chiamato mohair. E visto che il mohair le donava così tanto nelle foto che le facevo sono iniziate ad arrivare anche le prime commissioni.
Ma all’inizio creare patterns dal nulla e sapendo cucire poco o niente non è stato facile. In questo mi è stato di grande aiuto il pensare a mia nonna che era un persona veramente in gamba e creativa. Secondo lei tutti sono capaci di creare qualcosa dal nulla basta tanto impegno e un tocco di fantasia. E di queste parola le sono tutt’ora grata perchè se sono riuscita a creare qualcosa dal nulla lo devo anche a lei e alle cose che mi ha insegnato a fare quando ero bambina, tra cui usare anche la macchina da cucire. :-) Un grazie particolare va anche al mio ragazzo che mi ha aiutato a sviluppare la prima idea di patterns per teste SD. Infatti, ad oggi adotto 3 tipologie di patterns diversi a seconda delle taglie. :-)

MiyukiDollfie BJD Wigs

BJDmagazine: Spesso dici che fare parrucche è un hobby divertente. Perchè ami così tanto farle?

Veronica: Perchè fondamentalmente stimola la mia creatività. Quando sono stanca e stressata dalla vita di tutti i giorni non sai quanto mi ripaga e mi rende felice creare qualcosa che sia tutto mio e frutto della mia immaginazione. Se poi le parrucche sono da creare su idee originali dei mie compratori e amici è ancora più divertente. Spesso alcune mie amiche mi fanno un piccolo disegno di ciò che vogliono e creare e dare vita a quel pezzetto di carta è bellissimo. Se poi il lavoro dopo tanta fatica è apprezzato non solo da chi me l’ha commissionato è ancora più appagante perchè vuol dire che sono riuscita a creare qualcosa che prima non c’era.

BJDmagazine: Quale tipo di materiali usi per realizzare le tue wigs?

Veronica: Fondamentalmente mohair e fur, anche se ho provato a realizzare parrucche in lana e ultimamente sto lavorando a una parrucca in fur con extension in lana cotta per dare l’idea di dreadlocks.

MiyukiDollfie BJD Wigs

BJDmagazine: Qual è la differenza tra una parrucca in mohair, da una in fur?

Veronica: La differenza sostanziale è la fibra. Il mohair è una fibra naturale molto morbida molto simile al capello umano, si può lisciare o lasciare ondulata e ha sempre un aspetto molto naturale. Il fur invece è una fibra sintetica e quindi al tatto è meno morbida è l’aspetto è più sintetico e lucido. Personalmente mi piacciono entrambi i materiali perchè sulle BJDs maschio il fur ha un effetto molto più maschile e ordinato del mohair.

MiyukiDollfie BJD Wigs

BJDmagazine:  Tingi le parrucche da sola? Se si, usi tinte naturali o tinte chimiche?

Veronica: Si, ultimamente ho iniziato a tingere il mohair da sola e le uniche tinte che funzionano sono quelle chimiche. Questo perchè il pelo del mohair contiene lanolina che essendo una specie di olio impedisce alle tinte naturali di aderire completamente e di ottenere un colore uniforme. Tingere è molto divertente perchè mi permette di ottenere colori e mix che prima non riuscivo ad ottenere, ma è anche molto lungo e faticoso perchè bisogna stare molto attenti a non rovinare la pelle del mohair. Infatti se si sbaglia la tintura, la pelle si può stringere, diventare molto spessa oppure per contro può sfaldarsi e rompersi mentre viene cucita.

MiyukiDollfie BJD Wigs

BJDmagazine: Che cos’è realmente una parrucca in mohair? Dove ti procuri il mohair?

Veronica: Il mohair è un materiale naturale che deriva dal vello delle pecore tibetane. E’ composto da una pelle di solito più o meno spessa e da un pelo che è attaccato naturalmente e non cucito. Inizialmente comperavo il mohair all’estero perchè costava un pò meno, ma con le nuove regolamentazioni sull’importazione delle pellicce preferisco reperirlo in italia in negozi specializzati.

BJDmagazine: Quali sono i colori naturali in cui è possibile trovare il mohair? Il mohair è sempre riccio o è possibile trovare delle varianti? Le varianti sono nella lunghezza delle fibre?

Veronica: Fondamentalmente si può trovare in colori come bianco avorio (di solito il bianco brillante non è naturale, ma frutto di una sbiancatura del mohair avorio), nero, alcuni toni di biondo e castani. Solitamente il mohair è riccio, ma può presentare parti più lisce o ondulate solo alle estremità. Si possono trovare anche mohair di varia lunghezza della fibra che di solito va dai 5 ai 10-15 cm di lunghezza o di con differenti tipi di pelle, infatti, alcune volte lo skin può essere molto grosso e non adatto ad essere cucito. La fibra invece è quasi sempre molto sottile, ma estremamente resistente. Va inoltre detto che non tutte le pezze di mohair sono adatte a creare parrucche perchè possono avere sulla pelle cicatrici, cuciture o parti con lunghezze delle fibre irregolari (da lunga a molto corta) e in questo caso la pezza può essere utilizzata più che altro per reroot.

MiyukiDollfie BJD Wigs

BJDmagazine: Come fai a dare uno stile ad una parrucca in mohair? Come fai a dare un taglio di capelli a una parrucca in mohair?

Veronica: A dire il vero di questo devo ringraziare le mie parrucchiere che mi hanno insegnato a tagliare i capelli delle mie parrucche seguendo piccoli trucchetti che loro utilizzano nel quotidiano. Mentre per acconciarle di solito uso o un pò d’acqua o se devo ravvivare i capelli per dare un bel mosso, uso un pò di gel a base d’acqua. La cosa più difficile è lisciare il mohair perchè le fibre tendono sempre al mosso e anche utilizzando una spazzola e il phon l’operazione richiede almeno 30-40 minuti, lisciando ciocca per ciocca.

BJDmagazine: Come ti prendi cura di una wig in mohair?

Veronica: Le parrucche di mohair possono essere lavate con un pò di shampoo o di sapone neutro sotto acqua tiepida. L’importante è non bagnare lo skin che potrebbe tendere a restringersi. Nel caso si bagnasse l’importante è non farlo asciugare a contatto con una fonte d’aria calda, ma bensì all’aria e usando tanti fazzolettini a creare una palla della dimensione della testa della dolls da infilare dentro alla parrucca. Questo impedirà alla pelle di restringersi e nel contempo servirà ad assorbire naturalmente l’umidità dalla pelle.

MiyukiDollfie BJD Wigs

La seconda parte dell’intervista con MiyukiDollfie:  Sabato 15 gennaio (alle 8 del mattino, ora di Boston)

È possibile trovare MiyukiDollfie:

Sul suo blog: http://miyukidollfie.blogspot.com/

Su Flickr: http://www.flickr.com/photos/miyukidollfie/

Please help us by linking, tweeting, and sharing this article with your friends.
~BJDmagazine